EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0828.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

278-festa_san_vito_2009_sbarco_e_processione026.jpg Erice-TP-002.jpg Il_Papa_a_Trapani_1993_foto-07.jpg Trapani_Processione_Madonna-010.jpg Enrico_Rava_Ph_Arturo_Safina.jpg

Registrati

Chi c'é online

33 visitatori online
2 ospiti, 31 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    553

Libri: Ritorno al Feudo di Alberto Barbata

Copertina Ritorno al Feudo di Alberto Barbata

Alberto Barbata – (Paceco 1944) bibliotecario e cultore di storia del territorio, ha dedicato numerosi saggi e articoli alla ricostruzione delle dinamiche sociali, politiche e culturali del Trapanese, con particolare riferimento alla storia di Paceco.

RITORNO AL FEUDO

Dalla prima pagina del libro:

… Per gli abitanti della Sicilia Occidentale e Centrale il feudo era stato sempre un’immensa distesa di terre, coltivate a grano, ma spesso rampanti ed incolte, punteggiata da aspre colline e timponi alti dai trenta ai cento metri e oltre. Il colore, quello giallo del grano, delle spighe, di erba secca, soltanto nella primavera di un tempo spuntava un manto verde che presto scompariva per lasciare spazio ad una desertificazione avvolgente. Alla fine di maggio, al massimo, le prime trebbie meccaniche guidate da pionie­ri volenterosi cominciavano la mietitura. E questo fino al secondo dopoguerra, ma per secoli la falce e il braccio del contadino proletario avevano operato la coltivazione. Ma il feudo significava tante cose, spesso amare e crudeli. Significava lavoro faticoso, lunghi viaggi sul carro per raggiungere la meta del lavoro dal paese piÙ vicino, dai dieci ai venti chilometri ed oltre. E non sempre le donne, che dovevano accudire i figli, potevano seguire i mariti nei lunghi tragitti fino al feudo, spesso soltanto durante la mietitura, allorquando preparavano la “ghiotta”, l’agghia pistata, non sempre il “limiuni cunzatu”, e provvedevano ai servizi domestici. …

Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.