EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0848.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

Erice-TP-090.jpg madre_pieta_del_popolo-dsc_1890.jpg IMGP5491.JPG La_Fardelliana_1984_nr_1_027 PV (77).jpg

Registrati

Chi c'é online

16 visitatori online
1 ospiti, 15 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    551

CHIDDI D’ ‘A ”NICCHIA” – di Giuseppe Ingardia – 1


il disegno di Giovanni Bevilacqua
 

CHIDDI D’ ‘A ”NICCHIA”

pagina espressione della “Song Poetica Siciliana”,
curata da Giuseppe Ingardia

Efficace bozzetto sulla ‘shoah’, realizzato dal pittore-scultore trapanese Giovanni Bevilacqua. Una lettura artistica personalissima di quella che è stata indubbiamente la pagina più vergognosa della criminalità nazifascista: sul filo horror di una memoria che ha visto ‘bruciare’ le ali della libertà e della dignità umana.


(clicca sull’immagine per ingrandirla)

 

Questa pagina “su tema” -che comunque resterà aperta a successive partecipazioni spontanee- è la prima che nasce dalla collaborazione dei poeti trapanesi che hanno dato vita alla “Song poetica Siciliana” (nel mese di gennaio 2009) che ha visto già aggregarsi altri validi poeti locali ed anche di altre province, con obbiettivo principe la divulgazione del dialetto siciliano e della lingua siciliana in particolare.
Periodicamente, in seguito, sarà proposto un tema sul quale i poeti potranno esprimersi in totale libertà (sia in rima che in versi sciolti).
Questa volta il tema è la “shoah” , a conferma di quanto sia giusto e doveroso da parte di chi ama la poesia e l’arte in genere, far sentire la propria voce su argomenti sociali di particolare spessore, del presente o del passato.


A 65 anni dalla giornata della liberazione degli ebrei (27 gennaio 1945), in occasione della celebrazione della ‘Giornata della memoria’ ricorrente il 27 gennaio (e istituita 10 anni fa per non consegnare all’oblio il genocidio ebraico), Shimon Perez (Premio Nobel per la Pace e Presidente israeliano) da Berlino ha ribadito: “L’olocausto deve servire da insegnamento: guai ignorare i dittatori assetati di sangue!” Mentre a Montecitorio il Presidente Giorgio Napolitano: “Abbiamo gli ideali comuni della lotta per la libertà ed il riconoscimento dei diritti dei popoli, in particolare del popolo ebraico e di Israele a vivere in sicurezza.” Di rimando l’appello più forte da parte del premio Nobel per la Pace (1986) Elie Wiesel: “Equiparare gli attentati suicidi agli attentati contro l’umanità”. Infine Benedetto XVI tornato a condannare la shoah in lingua tedesca (è la prima volta): “Dio illumini l’uomo, mai più crimini cosi’ efferati!”.

*****

Negli anni ’44-’45 -nei lager nazisti- sono deceduti circa 500 deportati siciliani.
Questi i nomi dei trapanesi finora individuati:

 

Amoroso Carlo
Augugliaro Baldassare
Daidone Carlo
Di Girolamo Salvatore
Favilla Michele
Guccioni Salvatore
Internicola Andrea
Leonardi Giuseppe
Leone Pietro
Marino Francesco
Pirrello Giuseppe
Pizzo Sebastiano
Sesini Ugo
Spano’ Amedeo
Trupìa Francesco
Zerilli Ernesto


Trapani
Erice
Trapani
Marsala
Partanna
Campobello Mazara
Vita
Partanna
Vita
Marsala
Gibellina
Marsala
Trapani
Marsala
Castellammare del Golfo
Trapani

 


“I SONETTI DELLA SHOAH”
I poeti che hanno aderito presentano autentici inediti ‘sonetti’
rigorosamente endecasillabi ed a rime baciate o alternate.


Nino Barone

 


JO’ M’ADDUMANNU…

Jò m’addumannu a voti: soccu passa
dintra la testa di ‘na pocu genti,
di lu pirchì c’è sempri cu’ si spassa
la vita a via di fari ‘u priputenti.

‘Na pagina di storia chi trapassa
ogni spiranza; giuvani ‘nnuccenti
spugghiati di la vita, jittati a massa
comu munnizza! Quali ‘nsignamenti

ni dèsiru sti fatti siddu ancora
l’odiu è prisenti e ‘mpera ‘ncuntrastatu
dintra ogni omu, nuddu c’è di fora,

cu l’assassini puru cu’ ha taliatu!
Jò m’addumannu, allura, p’accamora:
di tannu a stiornu soccu n’ha canciatu?


Dino Altese

 


LA PUPA DI PEZZA

Ta…tam, ta…tam, ta…tam, scrusciu di roti
chi su’ mpitrati forti nta la menti,
jò pensu e ci ripensu tanti voti,
pensu ‘u vaguni, pensu ddi lamenti.

Zuccaru e meli pi ddi cani scioti,
chi mi scipparu dda figghia nnuccenti,
affirrata “o” me coddu , disgraziati,
e ci spararu ridennu cuntenti.

Armali senza cori e sintimentu,
propriu me figghia smossi la pazzia
cu l’occhi sbarrachiati di spaventu!?

Puru dda pupa “i” pezza chi strincia
la spirtusastu senza nuddu stentu!
Picchì, canazzi, nun sparastu a mia!?


Vito Lumia

(27 Jinnaru. Lu jornu di la mimòria…pi nun scurdari e pi essiri sempi di la parti di la giustizia, di la tulliranza, di la paci e di la fratellanza cu tutti li populi d’ogni razza e culuri)

 


LA SHOAH

Già tri vintini d’anni su’ passati
di quannu ddi caini imbestialiti
dda vera fezza di l’umanitati
ficiru scanna di l’Israeliti.

Miliuna di nnuzzenti stirminati
lu comu e lu pirchi’ li canusciti
la maggioranza mòrsiru nfurnati
lu restu pi li stenti, fami e siti.

Chistu è lu jornu di la ricordanza
Senza chiù odiu, guerra o viulenza
Prijamu pi la paci universali.

Si praticamu amuri e tulliranza
Sapiti chi ni dici la cuscenza?…
Chi ‘n-facci a Diu semu tutti uguali!


Giuseppe Vultaggio

(1) Guardate com’è bello stare con i fratelli!

 


NOTTI DI LI CRISTALLI

Novi lu jornu d”u misi di marzu,
longa la notti, fu assai disgraziata,
“di li cristalli” di tutti chiamata,
brilla di tuttu, però, nun c’è sfarzu.

Fu notti scura, di gran criminali,
rutti ‘n frantumi li milli vitrati,
novanta ebrei, tutti morti ammazzati,
lassati ‘n terra comu tanti armali.

Fu propriu tannu chi partiu ‘a “Shoa”,
na scia ch”un scordu, sei mila criaturi,
chi versu a morti cu lintizza va…

comu su’ dintra, di fora su’ nuri
ma cu speranza e cu gran dignità,
preanu e cantanu a “Cristu Signuri”…

Hinnem mah tov umannaim
shevet akim gam yakhad! (1)


Giuseppe Ingardia

(1) Il fhurer nazista Adolf Hitler.
(2) L’attuale Papa Benedetto XVI.
(3) Prende corpo la convinzione che Papa Pio XII (del quale è in fase di avvio il processo di beatificazione) ed i maggiori Capi di Stato, abbiano ‘chiuso gli occhi’ fingendo di non sapere, sugli efferati crimini che si stavano consumando ad Auschwitz e sui campi di sterminio, da parte della Germania nazista.

 


‘SHOAH’ SENZA PACI

Tirribili tsunami e tirrimoti
di la natura stissa a tutti roti.
Sempri guerri chi un sunnu mai giusti
e ‘n-terra l’omu ancora si ci arrusti!

Ma jornu da mimoria ammintuvàtu,
shoah di ddu gran foddi (1) dicritàtu,

vidi lu papa (2) tidescu pregàri
luci di Diu a capìri e scungiuràri.

Genti chi mancu vittiru ‘abbruciati’
li so’ spiranzi, sogni ‘ncinniràti.
Figghi c’un foru mai patri e matri:

cu è chi l’annurvàu dda pesti e latri?
Ora sintèmu chi papi (3) e rignanti
ci attupparu l’occhi puru ‘e Santi!


Alberto Criscenti

 


TUCCASTI ‘U FUNNU
(La Shoah)

…E quannu l’omu perdi la ragiuni
nun è chiù ‘n omu: torna arrè animali!
Canazzu chi ‘un canusci lu Patruni,
decisu ad azzannari e fari mali.

Ma quannu canci aspettu ‘un ti n’adduni?
Nun viri chi ‘u to munnu è artificiali?
Inveci sai chi si’? Tu si’ un buffuni
chi metti ‘n attu sceni criminali.

…E settant’anni fa tuccasti ‘u funnu
cu ‘dda malvagia idea di sterminari
tutti l’Ebrei esistenti nta lu munnu.

Ti cumpurtasti troppu crudilmenti!
Di tannu – ancora – nun ci ‘a fa a sanari
la chiaga di miliuna d’innucenti.


Giuseppe Gerbino

 


OSSA E FUMU

“Mamà, dunni ni portanu, dunn’emu?
soccu è ‘ddu fumu ‘nta ‘ddu capannuni?
E tutti ‘sti cristiani chi videmu,
picchì su’ ‘nta ‘ddu fossu a munzidduni?

Mamà, mi scantu e ora… chi facemu?
Picchì ni vonnu mali ‘sti pirsuni?
Qual è la nostra curpa e si l’avemu
picchì nun parri e cuntu ‘un mi ni duni?!”

Traseru ‘nta ‘dda stanza, s’abbrazzaru
e stritti stritti mòrsiru abbruciàti,
chi mancu morti chiù li scarchigghiàru.

Poi, ‘nta ‘ddu dossu foru sdivacàti
e ‘nta ‘ddu fossu d’ossa paru paru,
si vìttiru du’ schelatri abbrazzàti.


Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.