EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0842.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

421-festa_san_vito_2009_sbarco_e_processione076.jpg DSC_1215.JPG Trapani-Scuola_Umberto-012.jpg Trapani-Piazza_Garibaldi-008.jpg 2006-03-19_Barbera-Verso_il_2010.jpg

Registrati

Chi c'é online

39 visitatori online
2 ospiti, 37 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    551

CHIDDI D’ ‘A ”NICCHIA” – di Giuseppe Ingardia – 3


Santa Cescenza San Vito Lo Capo

Santa Cescenza San Vito Lo Capo

CHIDDI D’ ‘A ”NICCHIA”

pagina espressione della “Song Poetica Siciliana”,
curata da Giuseppe Ingardia


Siamo alla terza pagina “su tema”, in dialetto siciliano, dedicata alla Primavera, stagione che non ha mai mancato di essere importante fonte ispiratrice per i nostri ‘cantori dell’anima’. Anche se inevitabilmente ci sovviene il divin pennello del Botticelli che immortalò la sua ‘Primavera’ e dalle nostre parte (nelle Egadi in particolare) l’inizio della primavera coincide con la beneaugurante ‘passata’ dei signori ‘tonni’ dalle nostre acque -dopo l’estenuante vagare nel Mediterraneo- per poi depositare le uova dalle quali nasceranno i loro ‘pargoletti’. Stagione amatissima quindi che sà di risveglio, attaccamento alla vita, nuovi stimoli per l’uomo, la natura, le cose. E così il ‘melista’ Criscenti celebra la “staciuni di l’amuri” e il suo “respiru duci cantu”. Barone osserva “lu mari ‘n paci cu ‘a scugghiera” e “ch’è beddu ‘u celu, veni di cantari”. Scuderi cala un sonetto pregevole e canta di una primavera che nel ’68 coincise con una delle pagine più nere della nostra storia contemporanea: il terremoto del Belice! Da Ingrassia un chiaro invito: “Gùstati ‘sta stagiuni ‘mprofumata e scòtula luntanu li to’ vai!” Vultaggio corteggia il vento più o meno primaverile, confezionandogli un omaggio floreale variopinto incastonato di brillanti stelle, per recapitarlo a lu Signuri barattandolo amorevolmente con ‘paci’ e ‘amuri’. Infine Ingardia cattura profumi e sapori primaverili attorno alla chiesetta di S.Crescenza, mentre San Vito si prepara ad una festa che dura un anno intero, ‘ncucciannu scheggi di furmentu ‘i paci.


Giuseppe Ingardia

 


San Vitu a Pasqua, matinu du munnu…

La primavera arrivàu allùra allùra!

L’aria è tutta ‘na grazia di Diu:
tornànu arrè a cantàri l’acidduzzi,
tuttu pari ti dici amuri amuri,
mentri sbummicànu ciuri e culura
‘ntornu a Santa Criscenza la fiuredda
di stu’ paisi tistimunianza e vantu.
E’ pi tutti ‘u risvigghiu doppu misi
‘npiciàti, chiuvùsi e svintuliàti.
Puru San Vitu ora si vesti a festa,
doppu stà Pasqua ricca di turisti
gnisi, tideschi e taliàni nurdisti
supra la rina a pigghiarisi ‘u suli.
S’abbrùcianu la peddi scutulànnu
l’umidu e li dulura di lu ‘mmernu!
Tu voi o nun voi lu bagnu ti l’ha fari:
tantu t’attizza vogghia di stu’ mari
bidduni, cristallinu, ciavurùsu,
chi ‘ntantu si v’ ‘annaculìa suvrànu
supra la spiaggia d’oru supraffinu.
Attenti l’occhi d’ ‘u Cani San Vitu,
criscinu a vista puru annu doppu annu
ddi palmi chi d’estàti sbintulìanu,
frisculiannu cu ci trova ripàru!
San Vitu grapi ‘i vrazza o’ munnu ‘nteru,

‘ncucciannu scheggi ‘i furmentu di paci:
pripara l’Aquiluna, li cuncerti,
l’artisti chiù baggiàni, musicanti,

‘ncontri d’auturi sutta ‘a buganville,
versi di granni eccillenzi taliàni.
Abbrazza ‘u munnu ‘nteru San Vituzzu,
sirvennu a tutti lu so’ megghiu cuscusu.

San Vitu accogghi ‘n-famigghia e nun talìa
lu culuri d’ ‘a peddi chi tu porti:
basta sulu chi parri cu lu cori,
chi sì travagghiaturi onestu e forti,
chi grapi la to’ menti a lu sapìri
dispunibili a stari sempri ‘n-paci!


Salvatore Ingrassia

 


PRIMAVERA

E quannu s’arruspigghia primavera
mi pari un jocufocu di culura
chi rallegranu la cilesti sfera,
ma vinci ogni artificiu la natura
e c’è nall’aria ‘na malìa chi ddici
cu li ciuri, l’aceddi e la calura
chi propriu s’avi ad essiri filici
e chi veni l’estati ‘un viri l’ura.
Pi jittari luntanu la cuperta,
pi nescitinni di ‘sti quattru mura
e goriri la vita all’aria aperta!
Russi li papparini mezz’all’ervi
e gianni e bianchi su’ li margariti;
ètta ‘stù capputtazzu, a chi ti servi?
Fineru i tempi di li purmuniti!
Natura rinvirdisci e tu chi fai?
Gustati ‘sta stagiuni ‘mprofumata
e scotula luntanu li to’ vai!
Ora cumincia la vita biàta
di goritilla ‘un ti scurdari mai!
Si spogghianu li beddi ‘nna li spiaggi
li longhi jammi affusolati e lisci.
Vannu trippiannu li putri sarvaggi
e l’occhiu gori e ‘u disidderiu crisci
ed a quarcunu cci arresta nne àrgi,
ch’un su’ cosi pi’ vecchi si capisci;
cuntintativi sulu di taliàri
‘sta bedda giuvintù chi nni ciurisci
e siddu aviti li mugghieri lari
annicchia fantasia vi l’abbillisci!


Salvatore Scuderi

 


PRIMAVERA ’68 – (Nella valle del Belìce)

Semu ‘nta marzu e già la primavera
apri li vrazza carrichi di ciuri;
stisu a lu ventu comu ‘na bannera
lu campu godi ‘nta lu gran splinduri.

Ridi la funtanedda e sbrizzia l’acqua
nni la terra assitata di caluri,
e nni la saja l’anatra si sciacqua
mentri lu merlu canta lu so’ amuri.

La rininedda torna e ‘un trova nidu
nni li casi distrutti di Bilìce;
talia li genti afflitti e jetta un gridu:

“eu rifazzu lu nidu, ma vui – dici –
poviri genti illusi, chi sa quantu
senza casa at’a stari ed infilici!”


Alberto Criscenti

 


PRIMAVERA

Quannu trasi ‘a primavera
si stracància la natura;
ogni cosa è ‘na pittura,
ogni vuci è ‘na prijera!

Tuttu è virdi, tuttu è un mantu
di culura e d’armunìa;
ogni sonu è ‘na magìa,
lu respiru è un duci cantu!

Scurri l’acqua d’ ‘u torrenti
versu ‘u chianu, frisca e chiara;
‘nta lu celu, la “caciara”,
di li rìnnini si senti!

Vola l’api supra un ciuri,
canta forti l’usignolu,
l’ariu è nettu, ‘u celu è azzolu:
la staciuni è di l’amuri!


Nino Barone

 


PRIMAVERA

Ch’è beddu ‘u tempu quannu è primavera,
puru la vita cancia di sapuri;
ogni jardinu è ‘n festa, ogni trazzera,

tutti l’aceddi, tutti ‘i prati ‘n ciuri.

Ch’è bedda la campagna, sta friscura,
spiegàrivi – sapiti – ‘un c’è manera:
lu munti, li pineti, la chianura,
lu mari chi ora è ‘n paci cu ‘a scugghiera.

Ch’è beddu ‘u celu, veni di cantari,
cantassi sempri ‘a solita canzuna
di quannu ‘u suli juntu a lu calari,
lassa lu postu so, lu lassa â luna.


Giuseppe Vultaggio

 


ASCUTAMI VENTU

O ventu chi canusci tuttu ‘u munnu…
senti ccà a mia, ascutami un mumentu,
picchì mi noci? Nun firriari ‘n tunnu…
nun viri chi caminu quasi a stentu?

Nun pèrdiri ‘u to’ tempu, ccà, cu mia,
apprezzu ‘i to’ carizzi, li to’ curi,
ma si ô me cori voi dari alligria…
sentimi ventu, fammi stu favuri:

mentri chi curri, pigghia ‘i megghiu ciuri
e fanni un mazzu, riccu di culura,
di lu me suli pigghia lu caluri,
poi ‘nfascia tuttu ma…mettici cura;

poi aggiungi spighi e a centru un beddu gigghiu,
e fallu, poi, di zàgari assai chinu
e pi ciauriàri megghiu, ti cunsigghiu,
un mistu di limiuni e mannarinu;

poi pigghi un nastru ch’àvi li culura,
di quannu ‘u suli sta…tra celu e mari
e poi aspetta,ventu, quannu scura:
servinu ‘i stiddi…pi fallu brillari!

E ora chi si prontu, vola ventu,
vola dirittu, versu lu “Signuri”,
porta stu donu e dicci chi nun mentu,
si a canciu ci addumannu “Paci” e “Amuri!”


Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.