EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0849.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

madre_pieta_del_popolo-dsc_2228.jpg 011_san_vito_la_sfilata_2009_dsc_6263.jpg 115_san_vito_la_sfilata_2009_dsc_6317.jpg IMGP2804.JPG IMGP2151.JPG

Registrati

Chi c'é online

22 visitatori online
0 ospiti, 22 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    551

IL GRANDE SOGNO di Luigi Bruno

Associazione Salviamo la Colombaia

Una lettera inviata dall’Associazione “Salviamo la Colombaia” per informare tutti i cittadini e fare il punto sul “Recupero del Castello della Colombaia”. Apri la pagina e leggi il documento



IL GRANDE SOGNO


L’azione di tutela nei confronti della Colombaia è iniziata 8 anni fa quando uno sparuto gruppo di trapanesi si rese conto della immobilità delle istituzioni e si costituì nell’associazione di volontariato denominata “Associazione Salviamo la Colombaia”.
Il lavoro svolto fino ad ora la dice lunga sull’impegno assunto.
L’Associazione è partita da una approfondita analisi della situazione, ne ha compreso i valori e le testimonianze ed ha incominciato ad agire, mentre la ricerca affannosa di interlocutori l’ha messa in serie difficoltà.
I silenzi, le false notizie, le vane promesse e le lunghe attese sono stati deleteri, nonostante ciò ha cercato di fare sistema, cioè di trovare le ragioni e le soluzioni per stare insieme e per coinvolgere il maggior numero di persone e di istituzioni.
La ricerca di valori e di testimonianze e di quel senso profondo nel suo modo di operare le hanno consentito di attuare forme di comunicazione, a volte pressanti, che hanno rappresentato la base del suo itinerario affinché attraverso tale comportamento potesse creare uno snodo fondamentale sulla soluzione del problema e cioè sulla sua definitiva ristrutturazione.
Ha guardato lontano, non si è mai fatta prendere dallo sgomento di fronte ad uno scetticismo che la vedeva (o la voleva), fin dall’inizio, perdente.
L’Associazione è grata a quanti (in verità non molti) hanno supportato la sua attività in questo lungo periodo e che prendendola per mano l’hanno portata verso il primo traguardo.
Così la prima parte del grande sogno si è avverata: la sdemanializzazione.
Pertanto sabato 11 dicembre il Sovrintendente Tusa, ha presentato, nel corso di una conferenza stampa alla presenza degli Assessori regionali Armao e Missineo, fautori della sdemanializzazione, autorità locali, rappresentanti della Capitaneria di Porto, personalità politiche locali e regionali nonché del FAI e dell’Associazione Salviamo la Colombaia, un elaborato attraverso il quale ha indicato sinteticamente il “percorso” della Colombaia dal suo nucleo iniziale fino ai nostri giorni e la esigenza, alquanto immediata, della sua messa in sicurezza e della sua definiva ristrutturazione, parlando, tra l’altro, di un progetto, già predisposto.
Gli Assessori regionali Armao dell’Assessorato dell’Economia e Missineo dell’Assessorato per i BB.CC., dopo avere fatto ricordare che la Presidenza del Consiglio, nella sua decisione di sdemanializzazione, ha ritenuto opportuno creare una corsia preferenziale, data la particolare situazione della Colombaia, hanno fatto presente il loro impegno e quello della Regione affinché in tempi brevi, anzi brevissimi, vengano iniziati i lavori di messa in sicurezza per i quali erano stati già stanziati nella finanziaria 600 mila euro ed hanno assicurato che è stato già avviato il procedimento per la sua ristrutturazione per il quale è stato previsto un impegno di spesa di circa 6 milioni di euro.
Hanno dichiarato la loro piena disponibilità per la soluzione di problemi che dovessero presentarsi nel corso dell’attuazione dei progetti e dei programmi trattati.
Per quanto riguarda l’uso che se ne dovrà fare si è parlato di diverse possibilità, partendo da un sondaggio già iniziato che ha consentito la conoscenza delle richieste che provengono dal territorio, e che comunque non vedrebbe esclusa la possibilità, nel momento della futura gestione, di fare intervenire anche i privati, per, infine, consegnare il manufatto alla città di Trapani ed ai suoi cittadini.
Discorsi questi che hanno soddisfatto l’esigenza di conoscere il prossimo futuro della Colombaia, che hanno riaperto la speranza, che, come è stato ripetuto, rappresentano un punto di partenza piuttosto che di arrivo per la sua salvezza.
L’Associazione si ritiene soddisfatta da queste promesse con la speranza che lungaggini burocratico/tecniche non determinino una ulteriore stasi alla soluzione di quel grande sogno vagheggiato dalla stessa e da tutta la cittadinanza.

Luigi Bruno
Presidente – Associazione Salviamo la Colombaia


Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.