EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0802.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

0070_Locogrande_I_cosi_ruci_di_na_vota DSC_0328.JPG DSC_0828.JPG Coro_delle_Egadi_-021.jpg F00387.jpg

Registrati

Chi c'é online

44 visitatori online
3 ospiti, 41 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    551

IL FAI E LA COLOMBAIA DI TRAPANI – Nell’articolo di Luigi Bruno

Il Castello di Terra - Colombaia - Torre Peliade, Primo cortile dopo i lavori di restauro

Il FAI non si è mai dimenticato della Colombaia di Trapani. Dopo il riconoscimento, nel 2009, della stessa come bene da tutelare e le giornate di primavera dedicate per tre anni consecutivi ed organizzate dal FAI di Trapani per farla conoscere ai trapanesi ed ai visitatori, il 3 ottobre, il FAI ha voluto dimostrare ancora una volta il suo interesse nei confronti di questa magnifica struttura che si erge all’imboccatura del porto di Trapani e per la quale l’Associazione Salviamo la Colombaia si è dibattuta e si dibatte per il suo restauro.

Difatti una troupe televisiva è venuta Trapani per rendersi conto e per rendere conto al FAI sullo stato dell’arte della Colombaia alla luce dei lavori di messa in sicurezza. Alle riprese erano presenti la Prof. Rita Barraco Delegato provinciale del FAI, l’Arch. Luigi Biondo in rappresentanza della Soprintendenza per i beni culturali di Trapani e Luigi Bruno Presidente dell’Associazione Salviamo la Colombaia.
E’ stato un momento elettrizzante e sotto certi aspetti commoventi perché l’egregio lavoro fin qui svolto, dalla Ditta Amato Paolo di Alcamo, ha messo in mostra il vero volto della Colombaia dei tempi andati: tetti ricostruiti, celle rimesse a nuovo, atri ripuliti, ambienti resi agibili, scale percorribili. Insomma uno spettacolo meraviglioso per noi trapanesi che eravamo abituati a vedere la Colombaia come un vergognoso ammasso di “macerie”.
Questo nuovo interessamento del FAI ci inorgoglisce e ci fa ben sperare per il futuro cioè per una ristrutturazione definitiva di tutto l’immobile.
Noi confidiamo nell’opera che vorrà svolgere il FAI perché nel suo primo intervento ha rappresentato un punto di forza per avere posto all’attenzione di tutta l’Italia una problematica che si trascinava da troppi anni e che ha contribuito alla accelerazione della sdemanializzazione oltre ad avere promosso tutte le azioni affinché il bene non andasse perduto. L’Associazione esprime tutta la propria gratitudine al FAI e spera che questo nuovo intervento possa rappresentare una ulteriore pedana di lancio per pervenire al definitivo risultato della sua fruizione: la città ne ha bisogno per due interessanti motivi quello di mantenere viva l’attenzione sulla nostra storia e quello di consentite un polo di attrazione per un turismo culturale di alto livello.
Luigi Bruno



Il Castello di Terra - Colombaia - Torre Peliade, Primo cortile prima del restauro

Il Castello di Terra - Colombaia - Torre Peliade, Primo cortile dopo i lavori di restauro

Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.