Lina Clorofilla

Archivio culturale di Trapani e della sua provincia
Liriche in vernacolo "Puisia Ciuruta" di Lina Colorfilla

A ME MATRI

Aiu nna matri ch'esti tantu bedda
anchi si dormu penzu sempri a idda,
idda lu focu chi mi fa campari
cu lu sciatu so mi fa manciari.

La sira quannu lu tempu bruttu
mi veni a vasa e m'accuppuna tuttu,
la matina livannu li linzola
cu nna carizza mi manna a la scola,

ma prima mi cunnuci a culazioni
e dannumi la s binirizioni
m'accumpagna cull'occhi a la m via
mentri lu cori s s'arrichiria.

Nun facili st'amuri s scurdari
propriu nun sacciu comu arricambiari.
L'amuri di la matri senza fini
anchi si vecchia, ssu chisti vini.


precedente

successivo

E-mail e-mail - redazione@trapaninostra.it