Lina Clorofilla

Archivio culturale di Trapani e della sua provincia
Liriche in vernacolo "Puisia Ciuruta" di Lina Colorfilla

LU CARRITTEDDU SICILIANU

Chi beddu carritteddu sicilianu
fattu di lignu e pitturatu a manu,
e quantu pupi chi ci su stampati
cu spati, pinnacchi, tutti curazzati.

Sunnu pupi di stori siciliani
chi tennu mmanu spati turlintani.
Cantanu li gesta d'Angelica e Orlannu
chi pi cu capisci iu li raccumannu.

Mpaiatu c'esti un beddu sciccareddu
tuttu scocchi e lanigghi puru iddu;
porta l'armiggi baggiani e beddi
fatti di specchi, giumma e ciancianeddi.

Stu carritteddu tuttu nghirlandatu
sempri cunzatu a festa ncurunatu;
ntronu assittati ci su li cristiani
vappariusi e forti siciliani.

L'omu teni la zotta pi cacciari
librigghi teni mmanu pi guidari,
la fimmina teni li tammureddi
battennu mentri canta li iriteddi.

Si senti di tri migghia di luntanu
quannu passa lu carru sicilianu;
fa tantu scrusciu e tanta battaria
chi dunni passa lassa l'armunia.

Pi nui iddu simbulu e puru storia
nostri li surura e nostra fu la gloria,
la mmiria d'ogni paisi senza uguali
pi chiddu chi pi tutti cosa naziunali.


precedente

successivo

E-mail e-mail - redazione@trapaninostra.it