Lina Clorofilla

Archivio culturale di Trapani e della sua provincia
Liriche in vernacolo "Puisia Ciuruta" di Lina Colorfilla

IU EMIGRARI ?

Saiu lu bisognu d'emigrari
sulu a pinzari mi sentu affucari,
iu cca nascivu e cca mi vogghiu stari
puru s'unnaiu pani pi manciari.
Sta terra nostra bedda, tutta nciuri
puru si unu addiunu fa campari
si sazia di l'oduri di li ciuri
e di ddu beddu sciauru di mari.

Semu atturniati di li gran frutturi
chi pussiremu nterra e puru a mari,
si senti lu cantu di lu piscaturi
quannu chi parti pi gghiri a piscari.
Si senti lu cantu di lu zappaturi
chi prea a lu Signuri pi manciari,
stu cantu di lu cori nun si cancella
fora lu megghiu pani comu fella.

Ci su tanti isuli dda mmezzu a mari
spittaculu divinu di taliari,
sta terra a visitarla a tutti mmita
e n'attira tanti comu calamita.
Luntanu di sta terra un si p stari
ma lu patri c'avi figghi a mantiniri,
e lu riccu a li so spaddi va a ngrassari,
cu tantu beni ciattocca d'emigrari.

Si iu pinsassi di lassari a tutti
subbitu finissi di campari,
tutti l'affetti me fussiru strutti
ntra nna stanza mi chiurissi pi muriri.
Sugnu regina ntra li me miseri
megghiu campari tra fami e prieri.


precedente

successivo

E-mail e-mail - redazione@trapaninostra.it