EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0798.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

DSC_0865.JPG comune_di_vita-atem-203.jpg foto-Anna-Palazzo-0104-Trapani_-_Estrazione_del_sale.jpg           037_Turi_Calvino_pitture_-_Ricordi_di_camera_oscura

Registrati

Chi c'é online

61 visitatori online
2 ospiti, 59 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    546

Presentazione DATTULI il libro di Palma Mineo

la poetessa Palma Mineo


Nella spendida cornice della sala consiliare del Comune di Trapani sita all’interno del Palazzo Cavarretta, alla presenza di una folta schiera di poeti, del Presidente della Provincia (Katia Bucaria) tra gli ospiti presenti il Presidente dell’Unione Maestranze e tanti altri personaggi trapanesi, si è celebrata la presentazione del libro della poetessa Palma Mineo, organizzata dal poeta Nino Barone.

Clicca quì per leggere il libro


MASSIMILIANO GALUPPO

IL PRESENTATORE MASSIMILIANO GALUPPO



Katia Bucaria

INTERVENTO di KATIA BUCARIA




un momento della presentazione

CANTO VERONICA BILLONE E MONICA D’ALEO
MALARAZZA




un momento della presentazione

INTERVENTO di LICIA LA COMMARE




Maurilio Savona
LU DIALETTU
DECLAMA MAURILIO SAVONA


Lu parlari sciotu di la terra mia,
mi pari tra li tanti lu chiù beddu;
lu sentu comu duci miludìa,
armuniusu comu cantu di ‘n aceddu.

E provu gran duluri nta lu pettu
pinsannu chi ora vinni abbannunatu;
cca, nun si parla chiù di stu dialettu
e quasi pi vivogna sta di latu!

      
E tu, Sicilia mia, mi chianci appressu
virennu chi à nuddu fa ‘mprissioni;
certu, è puru curpa d’‘u prugressu,
si squagghia comu cira ‘n prucissioni.

Lu picciriddu spissu è amminazzatu
si parla cu ‘i cumpagni ‘n sicilianu,
pari avissi fattu un gran riatu,
scurdannu di parlari in “italianu”.

Ma pi furtuna, stiornu comu aeri,
chini d’amuri e cu tantu ‘ntillettu,
nàscinu figghi saggi e battaggheri,
chi ancora dannu forza a stu dialettu.


un momento della presentazione

INTERVENTO di ALBERTO CRISCENTI




Maurilio Savona
PARLANNU CU LU ME DISTINU
DECLAMA MAURILIO SAVONA

video


      
Mi vinni assira la malincunìa
e cu la rabbia dissi a ‘u me distinu:
“pirchì, dimmillu, tu ci l’ài cu mia?”
Chiancennu m’abbrazzai lu cuscinu.

Appena nuzzintedda e fu turmentu!
Tu nun mi duni paci né risettu,
mi sentu comu rosa ‘n facci a ‘u ventu,
cu ‘na pungenti spina nta lu pettu.

Però, jò, essennu un tipu battaggheru,
statti sicuru chi ‘un t’‘a dugnu vinta,
mi cogghiu li me’ forzi e pi daveru
jò ti dimostru tutta la me “grinta.”

Nun ci pruvari chiù, ti raccumannu,
abbrucia di la menti sti pinseri,
lèvala sta ramigna chi fa dannu
e metti l’erva frisca a li me’ peri.

L’unica cosa, sai, chi mi cunsola
e lu ripetu sempri a tutti l’uri,
sippuru ‘u tempu curri e si ni vola,
lu me cunfortu è unu: “lu Signuri!”


un momento della presentazione

INTERVENTO di GIUSEPPE INGARDIA




CANTO VERONICA BILLONE E MONICA D’ALEO
E VUI DURMITI ANCORA


un momento della presentazione


un momento della presentazione

INTERVENTO di MATTIA BADALUCCO CAVASINO




Maurilio Savona
MARI…
DECLAMA MAURILIO SAVONA

video


      
Talìu ‘ncantata jò stu beddu mari
e comu ‘nnamurata batti ‘u cori,
cu forza batti, nun si po frinari
senza stu ciatu, pensu, chi si mori.

Essennu calmu, iddu, è veru beddu
e fa di specchiu pi lu suli e ‘a luna,
vasatu puru di lu “biancu aceddu”
e li varcuzzi ‘ntunnu pi curuna.

Iddu pi mia è comu un moddu lettu
dunni ci posu tutti li pinseri,
dunni ci trovu paci, lu risettu,
e a li voti ‘a forza a stari ‘n peri!

E mi disiassi essiri un gabbianu,
putiri stari ‘n menzu ‘i so’ biddizzi,
pusata supra ‘u scogghiu chiù luntanu
e notti e jornu aviri ‘i so’ carizzi.


Maurilio Savona
VUGGHIA ASSASSINA
DECLAMA MAURILIO SAVONA

video


      
È ‘na vugghia assassina
chi distruri la vita,
prima, nastru di sita,
poi, diventa ruvina.

Idda attacca li vini
e ci sbersa la menti,
‘un si scampa pi nenti,
su’ picciotti ‘n catini.

Sta la matri a li cordi
cu la manu ntâ frunti,
cu pizzudda di junti
va cusennu ricordi.

A l’asilu ‘u purtava
cu falari e cistinu,
dintra un virdi jardinu
ddu nuzzenti jucava.

E poi, ‘n colpu di ventu,
lu ramuzzu rumpìu,
p’‘a so strata si n’jiu
ma canciàu sintimentu.

Pi ‘na larma di “duci”,
pi ‘na vugghia pungenti,
chi si perdi? La menti,
p’ogni matri ‘na cruci.


PALMA MINEO
LU CUMPLIANNU
DECLAMA PALMA MINEO

video


      
Jò pensu sempri cu la nustalgìa
lu vintinovi di tant’anni fa;
lu cumpliannu di la matri mia,
di quannu, nica, ci dicia: “mamà!”

Tutti li me’ capricci accuntintavi
dànnumi di cuntinu lu to affetu;
ogni cuntrarietà m’assistimavi
e la me naca, spissu, lu to pettu.

Novanta su’ ‘i cannili d’astutari;
puru s’‘a testa nun è tutta bianca,
sentu lu cori d’‘a pena attrassari

pirchì si junta vicchiaredda e stanca.
A lu futuru megghiu un ci pinsari,
già sacciu chi ‘u to ciatu assai mi manca.


un momento della presentazione

INTERVENTO di SALVATORE CRAPANZANO




CANTO VERONICA BILLONE E MONICA D’ALEO
COCO’


un momento della presentazione


NINO BARONE - PALMA MINEO

NINO BARONE E PALMA MINEO



LE FOTO DELL’EVENTO


This SimpleViewer gallery requires Macromedia Flash. Please open this post in your browser or get Macromedia Flash here.
This is a WPSimpleViewerGallery


Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.