EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Sezione dedicata alle foto del sito Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0815.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

12_france.jpg Erice-TP-068.jpg Kitesurf_a_Trapani_172 Trapani-Il_Porto-150-Costruzione.jpg IMGP4020_u_crivu.JPG

Registrati

Chi c'é online

80 visitatori online
2 ospiti, 78 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    543

CHIDDI D’ ‘A ”NICCHIA” – di Giuseppe Ingardia – 4


Madonna di Trapani

Maggio mese dedicato alla Madonna

CHIDDI D’ ‘A ”NICCHIA”

pagina espressione della “Song Poetica Siciliana”,
curata da Giuseppe Ingardia

Siamo alla quarta pagina “su tema”, in dialetto siciliano, dedicata al mese di Maggio , mese apripista verso l’estate calda ma anche dei fiori e delle rose in particolare; mese in cui sbocciano gli amori in senso lato… e che ci porta anche la festività dell’Ascensione… legata a ricorrenze e tradizioni locali; alle frasi sacre nel tempio della poesia ‘monumentale’ come “Il cinque Maggio”, dedicata da Alessandro Manzoni ad un grande camaleonte come Napoleone Bonaparte. Per non citare quindi l’Impresa dei Mille di Garibaldi di cui quest’anno in maggio si è celebrato il 150° anniversario. Apertura con i versi del grande Giovanni Formisano, immortalati in musica ed oggi pezzo forte anche di Andrea Bocelli nelle sue performance, che celebrano la natura in attesa di “…vidiri ssa facci accussi bedda”. Turi Toscano – la voce delle saline – si augura d’esser mosca per cantare all’orecchio della sua bella “…un cantu di ducizza e puisia”. Quindi Turi Sucameli -appellato poeta delle similitudini- con la sua “Maju” (estrapolata da “Sonetti per i mesi dell’anno”) ci azzecca pure quando asserisce: “…stu Maju d’ovannu a quantu pari/apporta scustumanzi e raffridduri!). Alberto Criscenti celebra con due ottave la sua amata-Erinni e poichè senza di lei si sente “ ‘n acidduzzu senza pinni”, le dichiara esplicitamente: “…di stu me cori fanni accatta e vinni”. Con l’egadino Aurelio Grasso, ricordiamo in versi “l’uomo-tonno” Antonino Strazzera che -con la sua paranza- fece da guida all’eroe Garibaldi, per fargli strada verso Marsala. Dopo avergli urlato:”Na cima, chi v’accumpagnu!” Puntata nel vernacolo ragusano e -con Franca Cavallo- al “…ciàvuru ri eriva mituta … si senti ca vicina è gghià la ‘stati!”


Aurelio Grasso

 


VICENNA GARIBALDINA

All’unnici di maju ‘nto sissanta
tuccau a Petru Missu – chi piscava -
di pilutàri “I Milli” pi Marsala:
(mimìu chi scantu!… quasi ci attisàva!).
All’arba, a rima, trainava a occhiati:
sbucca d’ ‘u Faragghiuni, ‘a trarimentu
‘n mezz’’a faiddi e fumu un gran vapuri,
l’omini comu muschi a centu a centu.
Cantavanu…D’u ponti c’u mecafanu
unu ‘n cammisa russa e ‘na gran varva
mi fa: “Voi della barca…per Marsala?”
“Prua a sciloccu e chi Diu vi sarva!”
Mi vennu quasi ‘a mmestiri:
“’Na cima, chi v’accumpagnu!”
Genti d’ogni etati…Ribbelli pimuntisi!
Maria Virgini!… Parinu foddi!…
Allegri…Tutti armati!
Chiddi di Sapri (Botta e lu Nicòtera)
‘nfussati ae ferri a Santa Catarina
cumprènninu c’arriva Garibaldi.
Vasanu ‘i carciareri e la catina.


Giovanni Formisano

 


E VUI DURMITI ANCORA

Lu suli è già spuntàtu di lu mari
e vui, bidduzza mia, durmìti ancòra.
L’aceddi sunnu stanchi di cantàri
e affiddàti v’aspettànu ccà fora:
supra ssu balcuneddu su pusàti
e aspettanu quann’è ca v’affacciàti!
Li ciuri senza vui nun ponnu stàri,
su tutti ccu li testi a pinnulùni,
ognunu d’iddi nun voli sbucciàri
si prima nun si grapi ssu balcuni.
Dintra li buttuneddi su ammucciàti
e aspettanu quann’è ca v’affacciati!
Lassàti stari, nun durmìti cchiùi,
ca ‘nmenzu ad iddi dintra ssa vanèdda
cci sugnu puru iù, c’aspèttu a vui
pri vidiri ssa facci accussì bedda.
Passu ccà fora tutti li nuttàti
e aspettu puru quannu v’affacciàti.


Alberto Criscenti

 


ERINNI

I
Jò pensu sempri a tia continuamenti
comu ‘n nutricu a ‘u latti di li minni;
quannu ‘un ti viu mi sbessu ‘i sintimenti,
mi sentu ‘n acidduzzu senza pinni.
Tu si’ la luci di stu me prisenti,
di stu me cori fanni accatta e vinni;
tu si’ patruna ormai di la me menti,
nta la me vucca un sulu nomi: “Erinni!”

II
M’innamurai di tia, stidda lucenti,
nun sacciu comu fu, nun sacciu quannu,
ma sacciu – nica – sacciu sulamenti
chi siddu nun ti viu crisci l’affannu.
È spavintusu ormai stu focu ardenti
chi tuttu lu me corpu sta bruciannu;
spegni stu focu – nica – o lentamenti
comu na cira prestu st’haiu squagghiannu!


Turi Sucameli

 


MAJU

Sciuri e simenzi a Maju sunnu ngranati.
Qualunqui armalu godi e fà l’amuri.
Tutti l’ortaggi su beddi e spuntàti
e lu sciroccu li ddaruna struri.
È puru ammintuatu pi zitati
chi puru l’api accoppianu li sciuri
e nda da maravigghia di jurnàti
la prima festa è di li zappaturi.
C’è l’ammattanza puru nde tunnari
turtuli e quagghi pi lu cacciaturi.
Poi l’ascinzioni e vannu tutti a mari
cu ciavuru, pitittu e cu sapuri.
Però stu Maju d’ovannu a quantu pari
apporta scustumanzi e raffridduri.


Franca Cavallo

 


MATINATA RI MÁJU

Cchi ciàuru ri èriva mitùta,
ô suli abbiàta a ffalla ‘sciucazziari,
si senti ammienzu ar ’idda ‘n-lapuniàri
ri muschi e carrabbùbbili a migghiàra!
L’aucidduzzi sciuti ‘n-gniallarìa
fanu lu va-e-bièni ri li nira
e musichiènu ‘nzinu â Virmarìa
purtannu li virmuzzi ê cacanìra.
Cchi tràfichi ‘ntra tetta e cannalàti!
E musica ri chidda dilizziùsa!
All’ùmmira lu jattu fa li fusa.
Si senti ca vicina è gghià la ‘stati!


Turi Toscano

 


DISIU D’AMURI

Chiù tempu passa chiù bedda ti viu
vicinu casa ti firriu e staiu;
basta c’affacci quantu ti talìu,
ti vasu di luntanu e mi ni vaiu.
Si mi rispunni mala nun ti criu
la menti sempri ddocu mi smanìa,
aspettu chi ti smovi stu disìu
chi lu curuzzo to’ ‘ngiamma di mia.
Si fussi comu musca chi firrìa,
‘nta la to’ oricchia vinissi a cantàri,
un cantu di ducizza e puisia.
Nun mi curassi farimi ammazzàri,
basta chi fussi vicinu di tia
chi sempri paci mi putissi dari.


Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.