EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0776.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

Trapani-001-dopo_i_bombardamenti.jpg madre_pieta_del_popolo-dsc_1811.jpg IMGP2816.JPG Fico_Valderice_Sagra_Pane_Casareccio_033 Chiesa_Sacro_Cuore_-_002.jpg

Registrati

Chi c'é online

48 visitatori online
2 ospiti, 46 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    546

CHIDDI D’ ‘A ”NICCHIA” – di Giuseppe Ingardia – 7


Pinocchio

Pinocchio

CHIDDI D’ ‘A ”NICCHIA”

pagina espressione della “Song Poetica Siciliana”,
curata da Giuseppe Ingardia

Settima pagina su “tema”, in dialetto siciliano, dedicata a Ottobre mese della cultura, della scuola e ricorrenti operazioni legate alla terra ed alle tradizioni. Tanti ricorderanno che un tempo (quando le lezioni cominciavano il 1° ottobre, coincidente con la festa di S. Remigio) i bambini di prima classe venivano chiamati ‘remigini’. Da alcuni anni adesso in questo mese, nelle scuole, si organizza la Settimana della Cultura. Un pressing collettivo, insomma, a spingere allo studio come chiave di lettura di un popolo che vuole vedere crescere i propri figli, nel segno del sapere emblematico antidoto all’ignoranza ed a tutte le devianze sociali. Una Scuola purtroppo messa alle corde sull’altare di presunte riforme epocali, con tagli di risorse finanziarie e umane, docenti e non docenti lasciati impietosamente… per strada! Svuotamento del valore delle lauree in una scuola degli ‘eccessi’ che lo scorso settembre ha registrato a Palermo, il suicidio del 27.enne laureando Norman Zarcone lasciatosi ‘volare’ dalla finestra, dopo aver ascoltato la sentenza dei suoi docenti.” Non ci sarà mai posto per te in questa Università. Sarebbe meglio che tu cambiassi mestiere!”. Indubbio bene dell’anima quindi, ascoltare la voce dei nostri cantori della ‘sicula nicchia’ che sognano l’ingresso a scuola della lingua siciliana, tra le materie curriculari. Castiglia rende onore alle sue mani piene di calli, dopo che “…scola nun ni potti friquintari”. Sucameli celebra i preparativi dei campi alla semina, il cambio di tempi e colori, con San Simone che ordina la ‘tappatura’ delle botti perché il vino faccia il suo corso. Mazzeo pensa ai tempi in cui la licenza elementare era magari il massimo traguardo rincorso. Per poi ‘tra ammuttuna e spintuna’ trovare un ‘pusticeddu’. Lumia ribadisce “c’un c’è futuru senza scola” e che rompersi la schiena per studiare “nun è tempu persu”. Gerbino plaude chi s’impegna nello studio, perché la cultura fa ben figurare…in cielo, in terra e in ogni luogo! Ad Altese, infine, non piace la scuola odierna in cui gli studenti non hanno rispetto, i docenti spesso non sono preparati, ci si impegna senza continuità.


Guglielmo Castiglia

 


ORGOGLIO

Iò scola nun ni potti friquintari,
nun vitti iocu, un vitti divirtuti,
mi misi picciriddu a travagghiari
chi tanta genti ristaru alluccuti.
Cumpivi cinquant’anni di zappari
dunni strurivi la bedda saluti;
ma sta spinciazza la vogghiu ittari
mi fannu onuri sti manu ‘ncadduti.

Mi fici vecchiu e sugnu cuntintuni
nun penzu suffirenzi stenti e peni,
e ogni gnornu cu lu mè zappuni
va scippu macchi, va zappu tirreni;
e cu lu scusciu sò fazzu canzuni
e li prisentu dunni veni veni.


Turi Sucameli

 


OTTUVIRU

Ottuviru ncumincia a trappitari,
ringigghiu mmanu pi lu putaturi,
o puru aratu e metti a galibari.
E lu viddanu arrè cu gran sururi
ncumincia arrè la terra a priparari.
Pi ddarici a novemmaru l’onuri
pi poi iddu putilla siminari.
Ma sempri ntra li stenti e li turturi
li jorna sunnu sempri curti e scuri,
lu pisci longu è megghiu di mangiari
qualchi muntagna cangia di culuri
picchì la prima nivi già cumpari.
San Simuni poi lu misi chiuri
e ordina li utti d’attappari.


Vito Lumia

 


LU TEMPU DI LA SCOLA

O picciriddi, amati la cultura
pirchì la vita troppu spissu è amara,
nun basta chiù lu donu di natura,
ci voli mpegnu e cu si mpegna mpara.
Rispettu e stima pi li prufissura
e vogghia di mparari para para;
apprufittati d’ogni cugnintura
pirchì fortuna è quasi sempi avara.
Rumpitivi la schina pi studiari,
facìti prestu ca lu tempu vola
e di scanzarivilla nun c’è versu.
È la spirienza chi mi fa parrari,
sacciu c’un c’è futuru senza scola
e v’assicuru: nun è tempu persu!


Tore Mazzeo

 


PANZA PARATA

A forza d’ammuttuna
di cauci e di spintuna
stu pezzu d’ignoranti
comu cci nni su’ tanti
s’allicinziau d’a scola
pigghiannusi ‘u diploma
d’a quinta elementari.
Si senti arrinisciutu
stu pezzu d’alluccutu
e a via d’addumannari
e a forza di stunari
l’asciddhri e l’autri cosi
a tuttu ‘u so’ paisi
attrova un pustiçeddhru.
Si criri mpararisu
si senti tuttu misu
d’arrè ra scrivania
raggiuna e dutturia
muvennusi li peri.
«Bongiornu raggiuneri»
la genti lu saluta.
«Bongiornu salutamu».
«Comu va?» «…travagghiamu…
C’è tantu di chiffari
chi mancu pi’ mangiari
cc’è tempu. Chi fatica…»
poi viri ‘na muddhrica
la scotula luntanu.


Giuseppe Gerbino

 


LA SCOLA

La scola: chi gran cosa veramenti!
Fu binidittu cu’ è chi la ‘nvintau!
Stu munnu senza scola ‘un fussi nenti:
lu vosi Diu chi l’appiramintau.
Ni detti la ragiuni comu donu
p’aviri differenza cu l’armali;
cu’ è senza littra nun è tantu bonu
e comu ad iddi resta tali e quali.
Un omu si nun leggi ed è ‘gnuranti
arresta nudu e crudu e pigghia ‘nganni,
lu pigghianu pi fissa tutti quanti
e la so vita è dura e cu l’affanni.
Inveci s’è studiatu e ‘un è vacanti
fa fiura ‘n casa, ‘n chiesa e a tutti banni.


Dino Altese

 


LA SCOLA DI STI TEMPI

La scola di sti tempi nun mi piaci,
pensu e chianciu la scola chi ci fu,
li studenti nun vonnu stari ‘n-paci,
dda certa educazioni nun c’è chiù.
Certi studenti parinu rapaci,
pigghiannu li maestri a tu pi tu,
li prufissuri pàrinu ‘ncapaci
e fannu di lu sensu ‘na virtù.
L’omu ch’un avi scola ‘un cunta nenti,
è, comu diri, un saccu di canigghia,
e sulu quannu è granni si nni penti.
La scola nun è jocu a lassa e pigghia,
e, si ci sunnu chiddi priputenti,
criu chi nn’avi curpa la famigghia.


Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.