EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Sezione dedicata alle foto del sito Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0839.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

Carnevale_Valderice_2009_0655.JPG 029_Trapani_zona_Ronciglio.jpg ADSC_0036.JPG 013-Roberta-Affetto.jpg DSC_0804.JPG

Registrati

Chi c'é online

92 visitatori online
4 ospiti, 88 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    543

La festa in onore a San Vito

San Vito martire

All’interno le foto del Corteo dei Carri dello sbarco e della Processione. Si Ringraziano il Signor La Sala e i fratelli Parrinello per la loro disponibilità.

Il Santuario di San Vito Lo Capo

Su San Vito si hanno pochissime notizie attestate da fonti storiche. Tuttavia a partire dal VII secolo fiorisce una letteratura leggendaria sulla vita del Santo che cerca di colmarne la lacuna. Vito Carvini, colto arciprete di Erice di fine Seicento, dissertando nella sua opera del Santo e delle opinioni dei vari storici, arriva infine a sole due sicure conclusioni: Mazara è la patria di Vito e il Santuario del Capo è l’unico luogo certo della memoria del Santo.
…da ceste complicate questioni si ricava sicuramente, e come sicura conseguenza delle sue premesse che il Santo fu in Sicilia, in altri luoghi fuori di Mazara sua Patria, il che da tutti gli Scrittori senza contraddizione si confessa. Or di tali luoghi due se ne contano, e non di più, cioè il fiume della distrutta Selinunte, ed il nostro Capo Egitarso, si che in queste due parti solamente s’accerta essere stato Vito l’eroe,…, in virtù della sola abitatione, e dimora, che fece Vito nel nostro Egitarso, ben ci diè motivo di fondare a sua eterna memoria il Sacro Tempio…
Segui lettura: La festa in onore a San Vito

Share Button

Libri: La Torre di Misiligiafari di Alberto Barbata

la copertina del libro

La_Torre_di_Misiligiafari

di Alberto Barbata


Dalla prefazione di Dino Grammatico


… La storia della Torre di Misiligiafari e del suo territorio, pur non colmando la lacuna, certamente offre elementi
preziosi sui manzil arabi sorti nella Sicilia Occidentale.
Il direttore della Biblioteca comunale di Paceco, infatti, non trascura alcun particolare per l’individuazione delle origini, delle modificazioni intervenute nel tempo e per l’illustrazione degli sviluppi del territorio di quella che chiama “la Torre rusticana di Misiligiafari”. …

leggi il libro

Share Button

Valderice Murales e Graffiti

La copertina del libro
Cari amici vi presento ancora un libro, questo a differenza di altri non è da leggere bensì da sfogliare, realizzato dalla Amministrazione Comunale di Valderice.

Valderice – Murales e Graffiti

Attraverso le fotografie realizzate da Enzo Barraco, si è realizzato questo libro, che raffigura 30 tra murales e graffiti del Comune di Valderice, (dalla presentazione del pittore Vito Criscenti Dovital)
Segui lettura: Valderice Murales e Graffiti

Share Button

Personaggi Trapanesi: Giuseppe Romano, scrittore

PERSONAGGI TRAPANESI inserita nuova schedaPERSONAGGI TRAPANESI inserita nuova scheda

Giuseppe_Romano, Commissario di Polizia Penitenziaria, scrittore.

Visualizza la scheda

Share Button

Istituto d’Arte – Sez. Corallo – Le foto della mostra didattica 2009


Il Manifesto della Mostra

Ogni anno con l’approssimarsi della chiusura dell’anno scolastico viene organizzata dall’Istituto una mostra didattica dei lavori eseguiti dagli alunni sotto l’attenta visione del dirigente scolastico prof. Vincenzo Di Stefano.
Attraverso le foto di questa pagina il percorso della mostra per scoprire la bellezza dei lavori realizzati da questi artisti in erba che sicuramente diventeranno professionisti del settore.

Il Dirigente scolastico Vincenzo Di Stefano
particolari di lavorazione durante la mostra didattica

alcune foto della mostra

alcune foto della mostra

alcune foto della mostra

Segui lettura: Istituto d’Arte – Sez. Corallo – Le foto della mostra didattica 2009

Share Button

Da Santa Caterina alla Colombaia – Breve storia delle carceri della provincia di Trapani – di Giuseppe Romano

La copertina del libro di Giuseppe Romano
Cari amici oggi vi presento un libro particolare, anche questo, come altri, fa parte della nostra storia.
Un libro realizzato da Giuseppe Romano.
Un libro inedito, nel senso che non è mai stato stampato.

Da: Santa Caterina alla Colombaia
Breve storia delle carceri della provincia di Trapani

Segui lettura: Da Santa Caterina alla Colombaia – Breve storia delle carceri della provincia di Trapani – di Giuseppe Romano

Share Button

EUFEMIO – il suo passaggio nella nostra terra – di A. Giaramita

Per libera concessione dell’autore il quale ringraziamo. L’articolo è stato tratto da:

http://www.siciliano.it/news.cfm?id=1598

Antonino Giaramita.
Nasce a Trapani ed ha vissuto nella sua città fino al 1981 compiendo tutti i suoi studi dall’asilo di “Trentapiedi” alle scuole elementari dell’”Incoronata” in via Argenteria e poi a “San Pietro”, ed ancora dalla “Simone Catalano” all’Istituto per Geometri dai Salesiani in via Cesarò per poi laurearsi a Genova in Giurisprudenza ed a Roma in Economia.
Dall’ottobre del 1981 la sua residenza è l’Italia intera poichè gira continuamente tutta la penisola, per ora è a Torino ma dal mese di agosto sarà Genova.
Con questo articolo intende dare più luce ad un personaggio siciliano molto poco conosciuto e valorizzato (Eufemio) e nel contempo indirettamente sottolineare la nostra lontananza storica, politica e culturale dai napoletani.
Tutti ci assimilano erroneamente a loro quali “meridionali” e per via del Regno delle due Sicilie che però nel corso dei diversi millenni di storia siciliana fu solo una invenzione geopolitica per di più esistita solo per pochi decenni ai tempi dei Vespri siciliani 1282 e poi solamente per circa 40 anni dal 1816 al 1860.
Riflettiamo su questi dati storici e premesso che il popolo siciliano (a prescindere dalla Mafia che è un’altra cosa con altre motivazioni storiche) è sempre stato un popolo pacifista e culturalmente aperto.
Togliendo guerre e rivolte ”fisiologiche” avute nel corso dei millenni; principalmente solo tre sono state le occasioni eccezionali in cui i siciliani “hanno preso le armi” e guarda caso sempre contro i napoletani…:

Segui lettura: EUFEMIO – il suo passaggio nella nostra terra – di A. Giaramita

Share Button

Le cassatelle in brodo di carne


Come si preparano le cassatelle in brodo di carne



Le nostre ricette tradizionali
Cassatelle in brodo di carne
provatele e … BUON APPETITO


Share Button

GDS: Trapani – La spiaggia sotto le Mura di Tramontana

Share Button

Buseto Palizzolo – La sagra delle Cassatelle


- BUSETO PALIZZOLO – Cassatelle da mordere

Rassegna Stampa

clicca sulla testata dell’articolo per visualizzare la galleria fotografica della sagra

Segui lettura: Buseto Palizzolo – La sagra delle Cassatelle

Share Button

Salviamo la Colombaia


Grazie all’Associazione “Salviamo la Colombaia” ho avuto l’opportunità di raggiungere il “Castello di Mare”, che da tempo volevo visitare, e vi propongo questo reportage fotografico per farvi vedere attraverso le foto l’attuale situazione di questo sito che giorno dopo giorno grazie agli agenti atmosferici, ma soprattutto all’incuria dell’uomo, che non si decide a prendere provvedimenti urgenti, si sta riducendo in un ammasso di macerie

Trapani - La Colombaia


La Colombaia:
Una storia bimillenaria:immagini e cartografie


Tratto dal libro: La Colombaia – Una storia bimillenaria: Immagini e cartografie di Alberto Costantino


Trapani, per la sua posizione geografica aperta a mare, quasi punta estrema dell’occidente (essa è Capo Boeo), fin dalle origini rappresentava porto naturale appetibile e terra di conquista. Proprio all’imboccatura del porto è situata un’isoletta che per la sua posizione fu considerata di grande importanza strategica, civile e militare. Fu sicuramente per questo che probabilmente fu fatta costruire la prima fortificazione.

Segui lettura: Salviamo la Colombaia

Share Button