EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0772.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

foto-Anna-Palazzo-0035-Trapani_-_Villa_Margherita.jpg DSC_0937.JPG pan (63).jpg Favignana-012-Panorama.jpg IMGP2799.JPG

Registrati

Chi c'é online

15 visitatori online
1 ospiti, 14 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    551

Sport: CONI Rassegna fotografica in mostra

Lo sport trapanese nel 20° secolo… fra ricordi e nostalgia

Locandina della Rassegna fotografica


La Rasssegna Stampa
GDS del 11/04/2009
GDS del 15/04/2009

L’amico Lorenzo Gigante, che attraverso il suo sito diffonde per il mondo le più belle immagini di Trapani, le sue tradizioni, la storia, la cultura … gli eventi, qualche giorno fa mi chiese delle foto relative alla mostra fotografica su “Lo Sport Trapanese nel 20° secolo … tra ricordi e nostalgia” in corso di svolgimento presso l’atrio del Liceo Scientifico “V. Fardella” di Trapani. Oggi, dopo aver già pubblicato quelle foto, mi chiede di dirgli qualcosa di più su questa mostra, qualcosa che possa interessare i frequentatori del suo sito, qualcosa che possa far comprendere le forti motivazioni che hanno spinto alcuni autentici uomini di sport a mettersi alla ricerca delle radici dello sport trapanese del ventesimo secolo.

In verità si tratta di un lavoro che hanno avviato qualche anno fa i cugini Silvana e Giovanni Basciano, figli d’arte, in quanto i loro rispettivi genitori, Giacomo ed Enzo, hanno percorso e rappresentato il movimento sportivo trapanese per tutto il secolo scorso, o quasi tutto. Sono partiti dal loro archivio fotografico, da quello dell’Enal e del Coni, per poi proseguire con quello più importante, quanto meno dal punto di vista affettivo, custodito negli album di famiglia di centinaia di trapanesi che allo sport del secolo scorso avevano dato direttamente il proprio fondamentale contributo.

Campo sportivo di via Spalti

Una prima loro mostra allestita nel 2008, aveva già riscosso notevole successo, sia per la novità che per i reperti fotografici esposti; ciò, malgrado le foto, spesso anche di piccola dimensione, fossero semplicemente incollate su pannelli di cartone la cui precarietà rischiava di vanificare gli sforzi fatti.

Nasce così l’idea di riproporla, arricchendola di contenuti e di qualità. Ma l’iniziativa di Roald Vento suscita subito delle perplessità in ordine al reperimento dei fondi per coprire i costi di realizzazione, considerato che l’arricchimento, oltre al “restauro” di migliaia di foto ed alla realizzazione di poster su pannelli rigidi di m.1 per cm.70, consisteva anche nella stampa di un pregevole libro in quadricromia che restasse a futura memoria.

Ma, come sempre avviene per le cose importanti, attorno all’iniziativa fanno subito quadrato il Presidente del Coni di Trapani Salvatore Castelli ed il Presidente del Panathlon Club, nonché Presidente della Società Mediterranea di Medicina dello Sport, Dr. Francesco Poalo Sieli, che si rendono disponibili a finanziare l’opera. Ai cugini Basciano ed a Roald Vento, non rimane che rimboccarsi le maniche e mettersi al lavoro con il solito indomabile spirito di volontariato.

alcune foto della rassegna

Ricerca storica, foto, didascalie e articoli per il libro, diventano così l’impegno quotidiano, coinvolgente ma al tempo stesso stressante, di uomini che lo sport hanno vissuto con intensità nel corso della loro vita e che ora sono coscienti di giocare una partita che dovrà necessariamente essere vincente ma che alla fine potrebbe anche portare a subire non poche critiche da parte di quanti, o per imperdonabile dimenticanza, o per il mancato reperimento di reperti fotografici, non avranno la gioia di rivedersi, o di rivedere i loro cari, nell’album più grande che la storia dello sport trapanese abbia mai avuto.

Superata la fase organizzativa ed inaugurata la mostra alla presenza di un pubblico numeroso quanto entusiasta, c’è subito da registrare che i visitatori, all’inizio della seconda settimana di esposizione, sono già circa diecimila e che i commenti e le recensioni sono stati tutti più che positivi, malgrado qualche “dimenticanza” fosse stata garbatamente contestata, nella considerazione che sia la mostra che il libro, non avevano in premessa e non hanno a maggior ragione oggi, la presunzione di riportare fedelmente tutti i vari processi evolutivi dello sport praticato nel capoluogo nel corso del XX secolo.

alcune foto della rassegna

Vero, forse sarebbe stato possibile fare di più, ma la scarsa presenza di reperti storici riconducibile ad un’epoca in cui erano in pochi ad avere il privilegio di possedere una macchina fotografica, ci ha costretti a ricorrere all’ausilio della memoria di quanti hanno avuto la fortuna di vivere personalmente o attraverso il racconto di terzi, storie ed eventi sportivi del secolo scorso. Inoltre, malgrado più volte sollecitati, in molti hanno esitato ad affidarci i loro ricordi fotografici, preferendo lasciarli a far bella mostra di sè negli album di famiglia, privando così ad altri l’emozione di ripercorrere con la mente sentieri dimenticati o addirittura sconosciuti.

Va ricordato, infine, che preoccupati di non poter autonomamente essere in grado di riprodurre fedelmente tutti gli eventi, ci siamo affidati sia alla memoria di due grandi “Vecchi”, il Prof. Ignazio La Cavera e il Dr. Giovanni Oddo, uomini che allo sport trapanese hanno dedicato gran parte della loro esistenza, che a quella del giornalista e storico sportivo Franco Auci.

alcune foto della rassegna

E’ triste ricordare, a lavoro ultimato, che nel gennaio di quest’anno scompariva, novantacinquenne, Giovanni Oddo, mentre risale a qualche settimana fa l’improvvisa scomparsa del caro ed indimenticabile Amico Franco Auci.

Le tre memorie storiche, proposte in altrettanti capitoli del libro che è in fase di realizzazione, rendono certamente più completo il mosaico dello sport trapanese e pur se i tasselli mancanti rimangono parecchi, siamo convinti che le emozioni che riusciranno a trasmettere saranno talmente forti da appagare, comunque, il desiderio di togliere i veli ad un secolo che giorno dopo giorno si sta allontanando tristemente da noi.

Roald Vento

Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.