EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Sezione dedicata alle foto del sito Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0766.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

IMGP2647.JPG IMGP2183.JPG Kitesurf_a_Trapani_147 0109_Locogrande_I_cosi_ruci_di_na_vota Trapani-016-dopo_i_bombardamenti

Registrati

Numero sottoscrittori

    539

UMMARI – TRAPANI Barbaramente ucciso Padre Di Stefano


Padre Michele Di Stefano

Unendoci al al cordoglio della famiglia e di tutta la chiesa si cumunica:
Per desiderio dei familiari si terranno venerdì 1 marzo alle ore 09.30 presso la Chiesa del Crocifisso a Calatafimi-Segesta i funerali di don Michele Di Stefano, il sacerdote parroco di Ummari, ucciso mentre dormiva nella canonica della sua chiesa. 


Padre Michele Di Stefano

La Diocesi di Trapani nell’invitare tutti i fedeli a partecipare alle esequie, esprime con dolore il rammarico del corpo ecclesiale per la modalità con cui alcuni mezzi d’informazione hanno usato la tragica notizia della morte di don Michele richiamando vicende passate della Diocesi, componendo dietrologie e collegamenti tra l’altro smentiti dalle evidenze, e che nulla hanno a che fare con il fatto in se.
Vorremmo ricordare don Michele per quello che egli è stato: un uomo e un sacerdote ricco di relazioni e interessi, vicino alla gente, che ha rinunciato anche a tante comodità per restare vicino al suo popolo, scegliendo di vivere in canonica.
Questa sua testimonianza è il suo testamento soprattutto ai presbiteri della Diocesi e a tutti i presbiteri che , nel quotidiano esercizio del loro ministero pastorale, diventano parafulmine del disagio sociale ed esistenziale e che spesso, soprattutto nei luoghi più isolati come nei quartieri cosiddetti “difficili”, si confrontano con realtà complesse in cui spesso rimangono isolati o, comunque, alla mercé della violenza.

Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.