EVENTI in PROGRAMMA

Meteo Windy.com

rilevazioni satellitari
Folklore Personaggi Trapanesi Sezione dedicata ai libri Pagina dedicata alle foto di Trapani e Provincia La pagina delle ricette tipiche trapanesi

Volti dei Misteri

DSC_0831.JPG

troviamola

il 26 ottobre è
il tuo compleanno

Gallery

PENTAX Image DSC_0397.JPG Kitesurf_a_Trapani_149 IMGP2755.JPG Sant_Alberto_2009-43

Registrati

Chi c'é online

43 visitatori online
0 ospiti, 43 bots, 0 membri

Numero sottoscrittori

    547

CHIDDI D’ ‘A ”NICCHIA” – di Giuseppe Ingardia – 6


Uva dei nostri vigneti

Uva dei vigneti COSTA

CHIDDI D’ ‘A ”NICCHIA”

pagina espressione della “Song Poetica Siciliana”,
curata da Giuseppe Ingardia

Siamo alla sesta pagina “su tema”, in dialetto siciliano, dedicata al mese di Settembre che assembla eventi culturali, economici e drammatici legati al nostro territorio ed oltre. Se infatti settembre ci fa subito pensare ai versi “Settembre, andiamo/ E’ tempo di migrare” da “Pastori d’Abruzzo” di Gabriele D’Annunzio (legata alla pastorizia ed alla transumanza delle greggi in Abruzzo ma anche in Sicilia e altrove), in Sicilia Settembre è mese legato verosimilmente alla vendemmia, all’uva regina madre, al vino figlio discolo e frizzante che fa le bizze. Per non citare che da qualche anno si vendemmia la cosiddetta “uva antimafia”, perché raccolta nei terreni confiscati alla mafia. Ma ci ricorda inevitabilmente l’11 Settembre 2001 con la distruzione delle Torri Gemelle di New York, tra i fatti più delittuosi ed inconcepibili di tutti i tempi. E così Turi Sucamele parla di un mese che ridà fiato dopo la calura estiva, mentre le botti accolgono il mosto d’uva, i primi agnelli, ricotte e tuma riacquistano gusto e sapori delle prime erbe; si mettono sotto sale le prime olive. Criscenti descrive fedelmente i vari passaggi della vendemmia, mentre nei vigneti canti e sudore si dissolvono fino al calar del sole. Ingrassia ironizza e rende grazie alla natura per aver fatto due cose buone: fimmini e vinu. Turi Toscano inneggia al vino presente fin dall’antichità in “manciati, manciateddi e li scialàti”. Quel vino che, se bevuto senza eccessi non causa litigi di sorta. Palma Mineo ricorda con orrore il momento in cui le Due Torri e tanta povera gente “squagghiaru nta un mumentu” e grida forte ai governatori del mondo “firmati sta gran fami di putiri!. Infine Dino Altese paragona le due Torri Gemelle a “zucchi di racina ‘nzuccarata…maistusi ‘ntra la vigna.” Che però una mente pazza ne causò la distruzione e – fermando il tempo- “fici ‘na vinnigna”!


Alberto Criscenti

 


QUANT’È BEDDU ‘U VINNIGNARI!

Quant’è beddu ‘u vinnignari!
Sutta ‘u suli o l’acquazzina
tutti ‘n mezzu a li filari
pronti a cògghiri ‘a racìna!
Cu li fòrfici e ‘i cuteddi
rappa a rappa la cugghiemu
finu a quannu li carteddi
di ssu beni poi jnchiemu!
Nta ‘u rimorchiu d’ ‘u tratturi
la cartedda sdivacamu,
poi, asciucati li sururi,
nta ‘u filaru arré ‘ncugnamu!
Ogni tantu pizzuliamu
quarchi cocciu di racìna
e d’ ‘u zuccu si jisamu
pi sgranchìri la carìna!
Mentri un cantu duci e finu
nta la vigna si “rimìna”,
lu tratturi, dopu chinu,
prestu parti p’ ‘a cantina!
Cala ‘u suli nta la vigna!
Quannu semu a la scurata
damu focu a un mazzu ‘i ligna
e facemu na vampata!


Palma Mineo

 


UNNICI SITTEMBRI

Li du’ gimelli turri, du’ minzuddi,
lu vantu granni d’ogni americanu,
cu tanti uffici, carta, pinni e puddi,
squagghiaru nta un mumentu a manu a manu.
Fu comu un lampu, chiddu a l’impruvvisu,
sutta lu celu chiaru sittimbrinu,
un macabunnu sempri chiù dicisu
rumpìu dda turri comu un manichinu.
Di dd’apparecchiu ‘a soru appi ‘na botta,
carìu cu gran duluri puru idda;
si spannicàu chiù peggiu d’‘a ricotta
cu tanta genti e quarchi picciridda.
Quantu pirsuni ‘n cerca di riparu
sculannu comu torci senza peddi,
tuttu fu veru, nun si lu sunnaru,
vularu ‘n celu ‘nsemi cu l’aceddi.
Chini di fumu, sangu, purvirazzu,
lavati foru d’acqua biniritta;
pir iddi Diu livau lu catinazzu,
si misi a ‘u ciancu tutta dda minnitta.
E dicu a forti vuci a ogni guvernu:
“firmati sta gran fami di putiri!”
Lu munnu ‘nteru è d’‘u Patri Eternu
è iddu chi fa nasciri e murìri.


Salvatore Ingrassia

 


INNU A LU VINU

Fu sfardusa cu nui matri natura
quannu nni retti la bedda racina
ch’esti rimediu barsamicu e cura,
speci s’esti manciata di matina !
Ma stu gran fruttu ch’è tantu priziusu
centu voti mi pari cchiù ‘mpurtanti
quannu addiventa sucu liqüurusu
veru purtentu di Diu di li Santi !
Dui cosi fici boni la natura
la fìmmina e lu vinu; cchiù ‘ncuetanti
di certu lu sicunnu! Chi turtura
sidd’un ci fora ‘stu sucu ‘mmiacanti
chi tutti di dilizzi nni prucura,
pensu, cchiù duci di la donna amanti
picchì cchiù longu lu piaciri dura
picchì l’effetti sunnu cchiù custanti !
Pomai chi ‘na buttigghia ti trarisci
o chi ti lassa sulu ‘nna li vai
chi sempri ti cunsola e ti capisci
t’esti vicina e nun ti lassa mai!
L’esistenza di Diu la si capisci
di tanti cosi beddi chi nni retti
picchì fici lu mari cu li pisci
e tanti beni precisi e perfetti,
ma la prova ch’esisti ‘a Pruvirenza
esti lu vinu chi fu lu prisenti
chi fari potti sulu ‘na putenza
ch’esti pivveru, certu onniputenti !


Dino Altese

 


COMU FINERU DUI GEMELLI

Dumilaunu, annu signaliatu
chi già finiu lassannu la so scia,
lassau tuttu lu munnu chiù malatu,
lassau lu scantu e la malincunia.
Ma nun fu curpa di lu malustatu,
l’omu simina e cogghi tinturia,
lupu di l’omu stissu, sdisangatu,
megghiu lu voscu chi sta terra mia!
Du’ zucchi di racina ‘nzuccarata
crisceru maistusi ‘ntra la vigna.
La genti ni taliava la purtata
paragunati giustu a du’ gran pigna.
Però ‘na menti pazza e scillirata,
cu santità malefica e maligna,
dannu a l’umanità ‘na timpulata,
firmau lu tempu e fici ‘na vinnigna!


Turi Toscano

 


VINU

Discinnu di li veru antichitati
nun sugnu natu pi criari liti
basta chi cu rispettu mi trattati
nun mi ni ‘mporta si vi divirtiti.
Manciati manciateddi e li scialati
primu truvati a mia già lu sapiti
bisogna stari attenti e cuntrullati
esattamenti a chiddu chi faciti.
Po capitari qualchi lamintura
o chi s’abbatti qualchi cantunera
c’è sempri chiddu cu la testa dura,
ci piaci fari duppia carrichera
jò ci rispunnu sempri sissignura
picchì mi sentu l’anima sincera.


Turi Sucamele

 


«SETTEMMARU»

Settemmaru ch’è lu vinnignaturi
ncumincia cu li utti arrimiggiari.
Di setti luni è lu guvernaturi
e mmiatu chiddu chi li sà smirfiari.
Li primi agneddi li primi furturi
cu lampi e trona di fari scantari.
Tantu chi San Micheli ‘a porta chiuri
e raccumanna a ottuviru ncurzari.
Li primi alivi vannu a salaturi
ncumincia cu giarraffi e nuciddari
la prima tumma chi va a ntummaturi
e li miluna timugna a gianniari.
Settemmaru a la fini poi cunchiuri
c’annicchia sciatu a tutti fa pigghiari.


Articoli correlati:

Share Button

Devi essere collegato per poter inserire un commento.